Banner di INNrete

SI RICEVE PER APPUNTAMENTO - CCIAA di Messina

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Messina

SI RICEVE PER APPUNTAMENTO


AVVISO

La Camera di commercio avvisa l’utenza di prestare particolare attenzione alle richieste di pagamento per l’inserimento dei propri marchi e brevetti in repertori o banche dati private on line.

L’Ente camerale tiene a precisare che si tratta di versamenti non obbligatori e che le offerte in questione non sono in alcun modo correlate con i servizi forniti dall’Ufficio italiano brevetti e marchi. 


 

dott.ssa Sabina Vinci

Azienda Speciale Servizi alle Imprese

Tel.:  +39 090 7772 283

 



 

Brevetti, marchi e disegni industriali, dal 2 febbraio le nuove domande online

Da Lunedì 2 febbraio 2015 sarà possibile trasmettere, direttamente da casa, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, le domande di brevetto, marchio e disegno industriale.

La nuova modalità di deposito telematico consente di provvedere alla quantificazione e al pagamento delle tasse dovute tramite modello F24 e interagire rapidamente con l’Amministrazione. Il nuovo servizio, frutto della collaborazione tra la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione-Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e l’Agenzia delle Entrate, permetterà a l'utenza un risparmio sia in termini di costi sia il miglioramento delle informazioni e quindi la possibilità di avere un aggiornamento della banca dati sui titoli di proprietà industriale in tempo reale.

sito   http://www.uibm.gov.it/index.php/29-01-2015-dal-2-febbraio-on-line-le-nuove-modalita-di-deposito-telematico

 



 

 

Brevetti e Marchi 

Il decreto legislativo del 10 febbraio 2005 n. 30 a norma dell'art. 15 della legge delega 12 dicembre 2002 n. 273 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 marzo 2005, n. 52, ha introdotto nel nostro ordinamento il codice della proprietà industriale per fornire una disciplina unitaria ai segni distintivi e ad altri diritti che si possono acquisire mediante brevetto.

La tutela   della proprietà industriale viene esercitata da Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM).

Presso la  Camera di Commercio di Messina si possono depositare le domande per ottenere i  Brevetti per invenzioni, Modelli di utilità e Modelli ornamentali, nonché la Domanda di registrazione dei Marchi di Impresa nazionali ed internazionali.

Dopo un esame formale dell'istanza, l'Ufficio camerale preposto redige il verbale deposito e rilascia il relativo numero di protocollo, che determinerà la posizione con la quale la domanda verrà annotata nei Registri tenuti dall'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Segue l'invio della pratica al Ministero dello Sviluppo Economico - UIBM che provvederà all'istruttoria e al rilascio del relativo attestato di registrazione

I moduli e le informazioni relative sono scaricabili dal sito http://www.uibm.gov.it


 


COMUNICAZIONI COMUNI  SULL'INTERPRETAZIONE DEI TITOLI DELLE CLASSI E MODIFICA DELLE MODALITÀ DI ELENCAZIONE DEI PRODOTTI E SERVIZI NELLE DOMANDE DI MARCHIO ITALIANO


 

A seguito della sentenza della Corte di Giustizia Europea “IP TRANSLATOR” e degli approfondimenti effettuati dall’UAMI in collaborazione con gli Uffici nazionali europei, si sono stabiliti dei criteri di armonizzazione nell'uso e nell'interpretazione dei Titoli delle Classi della Classificazione di Nizza e nelle modalità di elencazione dei prodotti e servizi. In particolare:

 

Con la Comunicazione Comune n. 1, pubblicata in data 3 maggio 2013 (aggiornata il 20 febbraio 2014), si è stabilito che le indicazioni contenute nel titolo della classe non coprono automaticamente tutta la lista dei prodotti e dei servizi di quella classe, ma sono interpretate nel loro senso letterale. L’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, a partire dal 20 maggio p.v., non accetterà più la dichiarazione del titolare tesa ad ottenere la protezione dell’intera classe. Per tutti i nuovi depositi dei marchi occorrerà quindi procedere ad una elencazione puntuale e dettagliata dei prodotti e servizi richiesti.

 

Nella Comunicazione Comune n. 2, pubblicatain data 20 novembre 2013 (aggiornata il 20 febbraio 2014), sono state individuate 11 indicazioni di prodotti o servizi utilizzate nei titoli delle classi che necessitano di essere meglio specificate in quanto sono state giudicate troppo vaghe e non soddisfano i requisiti di chiarezza e precisione enunciati nella suddetta sentenza della Corte di Giustizia. Pertanto l’uso di tali termini, se non accompagnato da specifiche, sarà oggetto di rilievo da parte dell’Ufficio.

 

La Comunicazione Comune n. 3, pubblicata il 20 febbraio 2014, illustra i criteri in base ai quali viene stabilito se le indicazioni utilizzate nei titoli delle classi dei prodotti/servizi sono sufficientemente chiare e precise. L’allegato a tale Comunicazione fornisce criteri comuni ed esempi concreti per assicurare la chiarezza e precisione delle dizioni utilizzate nell’elencazione dei prodotti e servizi. In particolare si confronti la tabella allegata per vedere gli esempi.

 

 


 

 

INFORMAZIONI


Indirizzo : Piazza Cavallotti, 2 - 1° piano

dott.ssa Sabina Vinci

tel. +39 090-7772 283

 


 

 

 

Data di redazione: 7/3/2017

 

[Stampa]  [Apri a pagina intera]

 

Calendario eventi

Dicembre 2017
oggi
LunMarMerGioVenSabDom
    1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 

14
 

15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31