Banner di INNrete

Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento - CCIAA di Messina

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Messina

Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento


La Camera di Commercio Messina informa che con PDG del Ministero della Giustizia è stata iscritta al n. 56/2016 del Registro degli Organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento. 

La legge n. 3 del 27 gennaio 2012, recante “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonchè di composizione delle crisi da sovraindebitamento”, ha introdotto nel nostro ordinamento i procedimenti per la composizione delle crisi da sovraindebitamento,  destinati a tutti i soggetti sovraindebitati e non sottoposti alla legge sul fallimento.

Possono beneficiare di una delle  tre  procedure (proposta di accordo del debitore; piano del consumatore; liquidazione del patrimonio) di composizione delle crisi da sovraindebitamento,  i debitori che non possono ricorrere alle procedure concorsuali - in primis al concordato preventivo - (piccoli imprenditori, professionisti, consumatori ) e che si trovino in perdurante squilibrio economico tra le obbligazioni assunte (pagamenti da effettuare) ed il patrimonio liquidabile, con impossibilità di far fronte ai propri impegni. Non deve però aver già fatto ricorso ad uno dei tre procedimenti negli ultimi cinque anni.

Il debitore, grazie ad un Gestore (un Commercialista o un Avvocato) designato dall’Organismo, può formulare una proposta di accordo con i Creditori o - se Consumatore - può proporre un piano di ristrutturazione dei debiti.

Il procedimento si svolge sotto il controllo del Tribunale. L’omologazione dell’accordo o del piano produce effetti esdebitatori rispetto a tutti i crediti anteriori alla proposta di accordo del debitore o al piano del consumatore: mettendo a disposizione anche un piccolo patrimonio si può ottenere la liberazione di tutti i debiti pregressi.

 

REQUISITI RICHIESTI:

 

-          Essere soggetti “non fallibili”;

-          Trovarsi in situazione di sovraindebitamento ovvero in uno squilibrio finanziario tra attività   e passività correnti che determina una difficoltà, temporanea o definitiva, ad adempiere regolarmente agli impegni assunti;

-          Non essere soggetti, né assoggettabili, a procedure concorsuali;

-          Non aver utilizzato le procedure  previste dalla L. 3/2012 negli ultimi cinque anni;

-          Non aver subito provvedimenti di revoca, risoluzione o annullamento dell’accordo omologato, o di revoca e dichiarazione di cessazione degli effetti dell’omologazione del piano del consumatore;

-          Fornire la documentazione che consenta la completa e trasparente ricostruzione della situazione economico-patrimoniale.

 

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Per avviare una delle tre procedure (accordo del debitore; piano del consumatore; liquidazione del patrimonio) è necessario presentare apposita richiesta, utilizzando la domanda di accesso al servizio scaricabile in calce.

Nel corso della procedura deve essere prodotta tutta la documentazione che consenta di ricostruire compiutamente la propria situazione economica e patrimoniale.

 

COSTI

Il Gestore incaricato dall’Organismo deve fornire, non appena in possesso di tutti i dati forniti dal Debitore, un preventivo di massima -  approvato dal Referente dell’Organismo - del costo del procedimento.

 


Per l'attivazione del procedimento è necessario fornire tutti i dati necessari per ricostruire la situazione economica e versare un acconto di euro 200 + iva pari a euro 244, indicando:

- dati anagrafici e fiscali del soggetto o dei soggetti che accedono al servizio (dati anagrafici e codice fiscale o partita iva indicata nel bollettino o bonifico) 


Inoltre è necessario acquistare una marca da bollo da 16 euro.
Il costo complessivo del servizio sarà determinato sulla base dell'effettivo valore della crisi.

 

Per agevolare l'accesso al servizio, al tariffario previsto dalla legge sono state applicate le riduzioni consentite.


Il pagamento delle spese avviene mediante bonifico intestato a:
Camera di Commercio di Messina
IBAN: IT09L0312716504000000011123
Banca Unipol - sede di Via XXVII Luglio, 32 - Messina
Causale: OCC + nome del soggetto 


 

TEMPI DI CONCLUSIONE

Dalla presentazione della proposta/piano al giudice all’omologazione non possono trascorrere più di sei mesi

 


La domanda e la documentazione allegata vanno presentate sia in formato cartaceo che digitale (CD, DVD, CHIAVETTA USB)



Organismo per il sovraindebitamento - Camera di Commercio di Messina - Piazza Cavallotti n. 3 – 98122 Messina

 

Responsabile del Servizio

dr.ssa Giusy D'Arrigo

 


SI RICEVE DAL LUNEDI' AL VENERDI' SOLO SU APPUNTAMENTO


 

Per informazioni contattare la Segreteria del Servizio martedì dalle 09.00 alle 12.00: Tel. 090-7772 226

occ@me.legalmail.camcom.it

 

MODULISTICA

Domanda di accesso al Servizio (per il consumatore)

All. 1_Elenco documenti da allegare alla domanda (per il consumatore)

Tabella A - Prospetto passività e spese correnti

Domanda di accesso al Servizio (imprenditore)

2.1 Elenco documenti da allegare alla domanda (per l’imprenditore)

Tabella B – Prospetto passività

 

DOCUMENTAZIONE

Regolamento, tariffario e codice di autodisciplina

Legge n. 3 del 27.01.2012

DM. n. 202 del 24.09.2014

Elenco dei Gestori CCIAA MESSINA


 

 

Data di redazione: 8/11/2018

 

[Stampa]  [Apri a pagina intera]

 

Calendario eventi

Dicembre 2018
oggi
LunMarMerGioVenSabDom
     1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 

13
 

14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31